Accesso al pannello di amministrazione dell'eshop >> (Questo messaggio lo vedi solo tu!)

Casula in seta lana a tessitura jacquard

Casula in seta lana, con tessuto lavorato su telai Jacquard per un risultato di grande freschezza ed elegante semplicità.

599,00
670,00

Casula in seta lana, con tessuto lavorato su telai Jacquard per un risultato di grande freschezza ed elegante semplicità.

Disponibile nei quattro colori liturgici.

Cod. 65/000521

Per ulteriori dettagli sul prodotto o sui tempi di consegna, puoi contattarci da questo form https://www.laudatus.it/it/contacts o tramite Facebook Messenger. Saremo lieti di soddisfare ogni tua richiesta.

Il tessuto in jacquard è realizzato con un punto a maglia a disegno geometrico, ottenuto alternando fili di diverso colore mediante uno speciale dispositivo applicato alle macchine da maglieria o ai telai per tessitura. Prende il nome del loro inventore, il francese J.M. Jacquard (1752-1834).

La casula, che da sempre identifica il celebrante della liturgia della Messa, ha origini, come quasi tutti i paramenti sacri, dalle antiche vesti greche e romane.

La casula deriva infatti dalla paenula romana, molto simile per forma e caratteristiche.

Nella liturgia cattolica, a seconda dei tempi e delle celebrazioni, è prevista in bianco, rosso, viola, verde, rosa e oro.

Il bianco, utilizzato durante le festività come il Natale, la Pasqua, il battesimo, matrimonio, la prima comunione, richiama la gloria di Cristo, la purezza e  la fede.

Il rosso, colore dello Spirito Santo e del sangue di Cristo si utilizza di solito per le esequie pontificie, le festività dei martiri, la Pentecoste, la Domenica delle Palme e il Venerdì Santo.

Il viola,  il colore della penitenza, può essere indossato per commemorazioni funebri ed esequie.

Il verde, colore della speranza, è il tempo ordinario.

Il rosa può essere indossato in occasioni particolari, come la terza domenica d'avvento e la quarta domenica di quaresima.

Il color oro simboleggia regalità ed è indossato nelle occasioni più solenni, in sostituzione del bianco.